Monthly Archives: aprile 2014

UEFI – Un’Esperienza Fortuitamente Impredicibile

Articoli

Ultimamente al LUG ci siamo schierati in battaglia contro le eccessive complicazioni incontrate nell’installare Linux in un PC con boot in UEFI mode, standard degli ultimi computer con Windows 8 nativo.

Tu stesso hai incontrato difficoltà? Combatti insieme a noi seguendo questa piccola guida! Per dovere di cronaca, devo avvertirti: avendo ogni computer delle procedure leggermente diverse per sbloccare la modalità di cui abbiamo bisogno, questo articolo potrebbe non essere totalmente fedele, ma comunque indicativo!

Procedimento:

  1. Scaricare la ISO
  2. Partizionare Windows 8
  3. Periferica USB non rilevata
  4. Schermata Nera
  5. Riordinare il Boot
  6. Boot Repair
  7. Grub Customizer
  8. Finish!

Scaricare la ISO

Il primo passo, comune a tutti, è di procurarsi la giusta ISO della tua distro preferita. Nota bene: nel caso di Ubuntu (e derivate) dovrai scegliere una versione successiva alla 12.04, obbligatoriamente a 64bit (la 32bit non è supportata da UEFI). Vai qui http://mirror.switch.ch/ftp/ubuntu-cdimage/ per il download!

Partizionare Windows 8

Proseguiamo con la creazione della partizione: utilizza il tool di gestione dei dischi di Windows 8, per evitare problemi! Apri “Esplora Risorse”, clicca con il destro sul l’icona “Questo PC” (il vecchio “Risorse del Computer”) e seleziona “Gestione”. Se viene richiesta l’autorizzazione, concedila!

Gestione DiscoSeleziona “Gestione Dischi” e avrai una panoramica delle partizioni esistenti sul tuo portatile. Seleziona quella da ridimensionare (“C:” nella stragrande maggioranza dei casi) e seleziona “Ridimensiona”. Lascia liberi circa 30GB, giusto per star tranquilli. Una volta terminato, sei pronto alla prima schermaglia, arriviamo infatti ad un bivio: in generale dovrai sistemare le opzioni del BIOS mentre, solo per alcuni fortunati, basterà eseguire un semplice comando, su Linux, per creare una USB avviabile direttamente in UEFI mode:

sudo dd if=ubuntu.img of=/dev/sdb

Altrimenti puoi utilizzare, anche su altri sistemi operativi, il software Unetbootin. Una volta terminato, spegni il pc e accedi al menù di Boot, da cui dovrai avviare la tua periferica USB.

Periferica USB non rilevata

Nella schermata di Boot non è presente la tua USB? Non ti preoccupare, purtroppo capita sovente. Ci vorrà qualche minuto in più per installare Linux, ma nulla di inarrivabile! Spegni nuovamente il PC ed entra nella configurazione del tuo BIOS. Ora disattiva il Secure Boot e attiva la “Legacy Mode” (o la modalità compatibile “Legacy”).

Una volta riusciti nell’impresa (comunque non banale in alcuni modelli estremi), torna nel menù del Boot e seleziona la tua periferica USB.

Schermata Nera

Dopo aver selezionato l’avvio dell’installazione lo schermo si spegne e la tua distro non si avvia? Complimenti, sei tra i fortunati possessori di un pc con doppia scheda grafica! Per risolvere è presto detto, riavvia il pc e giunto al GRUB edita l’avvio premendo c, aggiungi “nomodeset” (senza virgolette) tra “quiet splash ” e “” ed esegui il tutto con F10.

Riordinare il Boot

Nonostante i precedenti passi, Windows 8 potrebbe tentare l’ultima sortita e riprendersi ciò che crede suo di diritto, forzando l’esecuzione del proprio MBR invece del GRUB. Per ovviare a questo problema, torna nel BIOS e dirigiti nel menù di Boot. Se è comparsa la voce “GRUB” spostala fino al primo posto così da eseguirlo prima del boot di Windows.

Schermata di BootSe non è comparso nulla, prosegui al prossimo paragrafo!

Boot Repair

Se dovesse accadere ciò, torna nel BIOS senza scoraggiarti e riattiva la UEFI mode, dopodiché crea una USB avviabile con Boot Repair, utilizzando il software Unetbootin.

Boot Repair

Solito discorso del Boot, avvia la nuova USB. Nel menù che apparirà seleziona Advanced – GRUB Config – controlla che l’opzione “Separate boot partition” sia spuntata (o spuntala in caso contrario) e poi premi Apply.

Dopo qualche secondo ti sarà chiesto di intervenire ma niente paura: devi semplicemente seguire le istruzioni a schermo, eseguendo alcuni comandi su un terminale..

Grub Customizer

Al successivo riavvio avrai il tuo menù completo, con Windows 8 (tra le mille che potrebbe apparire utilizza sempre “Windows UEFI Boot Manager”) e la tua distro preferita, fresca d’installazione. Però sicuramente il tuo GRUB è disordinato, colgo dunque l’occasione per suggerirti e spiegarti l’utilizzo di Grub Customizer!

Grub Customizer

Apri un terminale ed esegui:

sudo add-apt-repository ppa:danielrichter2007/grub-customizer
sudo apt-get update
sudo apt-get install grub-customizer
sudo grub-customizer

Con questo programma potrai facilmente riordinare e rinominare le entry del tuo menù di avvio. Per quanto questa operazione sia elementare, raccomando sempre attenzione massima quando si “gioca” con il Grub!.

Finish!

Qualcosa è andato storto oppure non sai installare Linux? Hai alcune curiosità o non ti fidi a farlo da solo? Raggiungici in auletta! Cosa diciamo noi a Windows? NON OGGI!

XPocalypse F.A.Q.

Eventi Leave a reply

XPocalipse

Come annunciato in un articolo precedente, il giorno 8 Aprile scadrà il supporto per Windows XP e il Roma2LUG si è impegnato ad assistere tutti quelli che desiderano aggiornare i propri computer passando ad una distribuzione GNU/Linux. Ecco le risposte ad alcune domande frequenti che riguardano lo svolgimento dell’evento.

Q. È necessario prenotarsi per ricevere assistenza?
A. No, durante la giornata ci organizzeremo in modo da avere sempre un numero consistente di persone che possono fornire aiuto, in modo che a qualsiasi ora uno arrivi troverà un membro del LUG disponibile (salvo momenti di forte richiesta).

Q. Dove possiamo trovarvi?
A. La nostra sede è l’Auletta con il pinguino sulla porta al secondo piano dell’edificio Didattica di Ingegneria. Maggiori informazioni le trovi su questo indirizzo.

Q. Io non so installare un sistema operativo, mi aiuterete voi passo passo?
A. Si, il nostro obiettivo è proprio quello di aiutare anche i meno esperti nella transizione.

Q. Quanto si paga?
A. Noi non abbiamo mai chiesto una retribuzione in cambio dei nostri servizi. Tutto il software che installeremo durante la giornata è liberamente scaricabile dalla rete in puro spirito Free Software. La nostra unica fonte di sostentamento è data dalle donazioni volontarie offerte dalle persone che vanno e vengono in auletta.

Q. Che succederà ai miei dati? Li cancellerete?
A. Quando possibile, cerchiamo di preservare ciò che è già installato sul computer, installando GNU/Linux affianco ai sistemi operativi già presenti. Nel caso di Windows XP, però, saremmo propensi a cancellare il sistema preesistente (in quanto non più supportato), sostituendolo con una distribuzione GNU/Linux a tua scelta. Per questo motivo sarebbe meglio se facessi un backup dei dati importanti prima di venire in auletta, onde evitare di perderli.

Q. Io non posso passare l’8 Aprile, come faccio?
A. Durante la giornata dell’8 Aprile aiuteremo tutti coloro che chiederanno di aggiornare il loro PC, ma non cambia il fatto che durante tutti gli altri giorni chiunque possa richiedere assistenza nel modo usuale, cioè compilando il nostro modulo di prenotazione.

Roma2LUG Incontra – 2 Aprile, IIS Enzo Ferrari

Eventi, Life logs 2 Replies

Lo scorso 2 Aprile ha avuto luogo il primo evento, promosso dal Roma2LUG con la collaborazione del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica (DICII) dell’Università di Roma Tor Vergata, “Roma2LUG Incontra”.

Circa 50 studenti dell’istituto Enzo Ferrari di Roma, classi 3°, 4° e 5°, e 3 dei loro professori si sono recati presso la nostra Università per assistere a delle lezioni con argomento principale i sistemi operativi GNU/Linux.

DSC_4490

Alle ore 10.30, dopo una nostra accoglienza, gli studenti si sono potuti accomodare in Aula Leonardo, dove a seguito di una breve introduzione del nostro collega Pierpaolo Santucci, hanno potuto ricevere il saluto del Presidente del Corso di Studi di Ingegneria Informatica, Vincenzo Grassi.

DSC_4493 DSC_4500

A seguire si è subito entrati nel vivo della giornata, assistendo al talk preparato da Daniele De Angelis e Alessio Biancalana, “Why Linux!?”. Lo speech, di carattere generale e divulgativo, ha voluto mostrare agli studenti perché sia effettivamente importante anche solo la conoscenza dell’esistenza dei sistemi GNU/Linux. Con una carrellata di esempi e di casi noti dell’applicazione dei SO GNU/Linux si è voluto sottolineare come nella vita di tutti i giorni, seppure indirettamente, ognuno di noi utilizza sistemi open source.

DSC_4503

Dopo questa introduzione ha preso la parola il professor Marco Cesati, ricercatore dell’Università e professore dei corsi dedicati ai Sistemi Operativi e Sistemi Embedded.

DSC_4527

Al suo intervento è seguito il secondo talk preparato dagli studenti del Roma2LUG, dedicato al single-board computer Raspberry Pi, preparato da Stefano Di Francescangelo e Gabriele Giagnoli. Diviso in due fasi, lo speech ha prima dato un infarinatura sui sistemi GNU/Linux, mostrando i comandi base da conoscere per un primo approccio alla command line, e dando alcuni concetti (es. reti di calcolatori, ssh, etc…) utili per la seconda parte del talk; questa seconda parte infatti, ha avuto un carattere più pratico, mostrando alla platea come a partire da una Raspberry Pi senza alcun sistema operativo, si possa configurare un media center fatto in casa e completamente gestibile da remoto.

DSC_4535

Il single-board computer Raspberry Pi è a nostro parere un elemento caratteristico del mondo dei sistemi operativi GNU/Linux. Nato da un progetto open source dell’Università di Cambridge, ha dimostrato come con pochissimi soldi si possa avere un piccolo computer adatto a moltissime applicazioni; proprio per questo motivo sin da subito il progetto ha avuto il pieno supporto della comunità. Attualmente poi il mondo dei sistemi informatici ha acceso molto l’interesse verso questi sistemi essenziali, rendendo sempre più reale l’idea di “Internet of Things”: ogni dispositivo, grazie a questi sistemi informatici economici e di piccole dimensioni, sarà in un futuro molto prossimo parte effettiva della rete globale.

La giornata non si è conclusa qui! Infatti agli studenti è stato sottoposto un test a risposta multipla riguardante i talk appena seguiti. La prova è stata ideata principalmente per scopi statistici, al fine di verificare quanto effettivamente le nuove generazioni siano affezionate ed appassionate ai temi trattati durante la giornata; si è voluto inoltre solleticare l’attenzione della platea, ponendo in palio, per il miglior test, lo stesso dispositivo Raspberry Pi utiizzato durante la presentazione, sperando che in seguito a questa giornata il vincitore, ma anche tutti coloro che abbiano partecipato, possano continuare a sperimentare personalmente, aumentando il proprio bagaglio culturale in vista di una prossima carriera universitaria o esperienza lavorativa. Questi test, le cui domande sono state ideate dai componenti del LUG, sono stati generati in maniera casuale dal pool di domande, grazie all’applicativo creato da Giulio Picierro (Shuffler).

Mentre i loro test venivano corretti, gli studenti sono stati salutati dal professor Salvatore Tucci, preside del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica, che ha dato degna chiusura alla giornata, promuovendo l’evento e spiegando perché queste giornate di studenti che insegnano a studenti siano fondamentali, soprattutto in campi come l’Informatica, dove spesso l’utilizzo delle nuove tecnologie è necessario per comprendere queste approfonditamente. Al termine della correzione è stato individuato il test con punteggio maggiore, 9 su 10, il cui autore, Lorenzo Serafini, ha potuto ricevere come premio la Raspberry Pi impostata durante i talk. Nel complesso comunque la piccola prova ha avuto esiti nettamente positivi, con un’ottima media per il tipo di domande poste.

DSC_4604 DSC_4613

Le considerazioni del LUG, al termine di questo evento sono state molto positive. Gli studenti hanno avuto modo di muovere qualche passo verso l’Università, colmando almeno minimamente il gap fra le scuole secondarie e gli studi universitari; si sono inoltre dimostrati estremamente partecipi, attenti ed interessati agli argomenti trattati in questo evento.

Ringraziando quindi tutti coloro che hanno partecipato, con una particolare attenzione ai professori intervenuti e al Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica, speriamo che questo evento sia il primo di una lunga e positiva serie.

DSC_4615

GNU Octave 3.8.1

Documentazione Leave a reply

Nell’ultima release del più famoso programma open-source di analisi numerica è stata introdotta una GUI (Graphic User Interface) in versione beta che semplifica e rende l’utilizzo più semplice all’utente finale.

Sfortunatamente nei repository ufficiali delle maggiori distribuzioni GNU/Linux sono presenti solamente le vecchie versioni. Il problema verrà risolto nei prossimi mesi, infatti sia nella versione testing di Debian che nella prossima 14.04 LTS di Ubuntu è già presente l’ultima versione di Octave.

Nel frattempo ci pensa il Roma2LUG! Ci siamo occupati di compilare i sorgenti ufficiali dell’ultima versione e di creare un pacchetto .deb che potrete utilizzare sulle vostre distribuzioni Ubuntu 13.04 e 13.10. Potete trovare i pacchetti, compilati per le due architetture più diffuse, ai seguenti link:

Una volta effettuato il download, l’installazione è molto semplice, basterà aprire un terminale, recarsi nella directory dove è stato scaricato il pacchetto ed eseguire i seguenti comandi:

  • sudo dpkg -i octave_3.8.1-1_amd64.deb
  • sudo apt-get install -f

e rieseguire il comando

  • sudo dpkg -i octave_3.8.1-1_amd64.deb

Infine è necessario creare il link simbolico nella cartella /usr/local/bin

  • sudo ln -s /opt/octave3.8/bin/octave /usr/local/bin/octave3.8

A questo punto il nuovo Octave è stato installato, basterà farlo partire con il seguente comando per forzare l’utilizzo della nuova GUI

  • octave3.8 --force-gui

Se avete problemi, siete pigri o preferite essere seguiti dalla guida esperta di un nostro membro, siamo disponibili ad offrirvi tutto il supporto tecnico di cui disponiamo. Passate nella nostra auletta oppure prenotatevi compilando il seguente form.