UEFI – Un’Esperienza Fortuitamente Impredicibile

Articoli

Ultimamente al LUG ci siamo schierati in battaglia contro le eccessive complicazioni incontrate nell’installare Linux in un PC con boot in UEFI mode, standard degli ultimi computer con Windows 8 nativo.

Tu stesso hai incontrato difficoltà? Combatti insieme a noi seguendo questa piccola guida! Per dovere di cronaca, devo avvertirti: avendo ogni computer delle procedure leggermente diverse per sbloccare la modalità di cui abbiamo bisogno, questo articolo potrebbe non essere totalmente fedele, ma comunque indicativo!

Procedimento:

  1. Scaricare la ISO
  2. Partizionare Windows 8
  3. Periferica USB non rilevata
  4. Schermata Nera
  5. Riordinare il Boot
  6. Boot Repair
  7. Grub Customizer
  8. Finish!

Scaricare la ISO

Il primo passo, comune a tutti, è di procurarsi la giusta ISO della tua distro preferita. Nota bene: nel caso di Ubuntu (e derivate) dovrai scegliere una versione successiva alla 12.04, obbligatoriamente a 64bit (la 32bit non è supportata da UEFI). Vai qui http://mirror.switch.ch/ftp/ubuntu-cdimage/ per il download!

Partizionare Windows 8

Proseguiamo con la creazione della partizione: utilizza il tool di gestione dei dischi di Windows 8, per evitare problemi! Apri “Esplora Risorse”, clicca con il destro sul l’icona “Questo PC” (il vecchio “Risorse del Computer”) e seleziona “Gestione”. Se viene richiesta l’autorizzazione, concedila!

Gestione DiscoSeleziona “Gestione Dischi” e avrai una panoramica delle partizioni esistenti sul tuo portatile. Seleziona quella da ridimensionare (“C:” nella stragrande maggioranza dei casi) e seleziona “Ridimensiona”. Lascia liberi circa 30GB, giusto per star tranquilli. Una volta terminato, sei pronto alla prima schermaglia, arriviamo infatti ad un bivio: in generale dovrai sistemare le opzioni del BIOS mentre, solo per alcuni fortunati, basterà eseguire un semplice comando, su Linux, per creare una USB avviabile direttamente in UEFI mode:

sudo dd if=ubuntu.img of=/dev/sdb

Altrimenti puoi utilizzare, anche su altri sistemi operativi, il software Unetbootin. Una volta terminato, spegni il pc e accedi al menù di Boot, da cui dovrai avviare la tua periferica USB.

Periferica USB non rilevata

Nella schermata di Boot non è presente la tua USB? Non ti preoccupare, purtroppo capita sovente. Ci vorrà qualche minuto in più per installare Linux, ma nulla di inarrivabile! Spegni nuovamente il PC ed entra nella configurazione del tuo BIOS. Ora disattiva il Secure Boot e attiva la “Legacy Mode” (o la modalità compatibile “Legacy”).

Una volta riusciti nell’impresa (comunque non banale in alcuni modelli estremi), torna nel menù del Boot e seleziona la tua periferica USB.

Schermata Nera

Dopo aver selezionato l’avvio dell’installazione lo schermo si spegne e la tua distro non si avvia? Complimenti, sei tra i fortunati possessori di un pc con doppia scheda grafica! Per risolvere è presto detto, riavvia il pc e giunto al GRUB edita l’avvio premendo c, aggiungi “nomodeset” (senza virgolette) tra “quiet splash ” e “” ed esegui il tutto con F10.

Riordinare il Boot

Nonostante i precedenti passi, Windows 8 potrebbe tentare l’ultima sortita e riprendersi ciò che crede suo di diritto, forzando l’esecuzione del proprio MBR invece del GRUB. Per ovviare a questo problema, torna nel BIOS e dirigiti nel menù di Boot. Se è comparsa la voce “GRUB” spostala fino al primo posto così da eseguirlo prima del boot di Windows.

Schermata di BootSe non è comparso nulla, prosegui al prossimo paragrafo!

Boot Repair

Se dovesse accadere ciò, torna nel BIOS senza scoraggiarti e riattiva la UEFI mode, dopodiché crea una USB avviabile con Boot Repair, utilizzando il software Unetbootin.

Boot Repair

Solito discorso del Boot, avvia la nuova USB. Nel menù che apparirà seleziona Advanced – GRUB Config – controlla che l’opzione “Separate boot partition” sia spuntata (o spuntala in caso contrario) e poi premi Apply.

Dopo qualche secondo ti sarà chiesto di intervenire ma niente paura: devi semplicemente seguire le istruzioni a schermo, eseguendo alcuni comandi su un terminale..

Grub Customizer

Al successivo riavvio avrai il tuo menù completo, con Windows 8 (tra le mille che potrebbe apparire utilizza sempre “Windows UEFI Boot Manager”) e la tua distro preferita, fresca d’installazione. Però sicuramente il tuo GRUB è disordinato, colgo dunque l’occasione per suggerirti e spiegarti l’utilizzo di Grub Customizer!

Grub Customizer

Apri un terminale ed esegui:

sudo add-apt-repository ppa:danielrichter2007/grub-customizer
sudo apt-get update
sudo apt-get install grub-customizer
sudo grub-customizer

Con questo programma potrai facilmente riordinare e rinominare le entry del tuo menù di avvio. Per quanto questa operazione sia elementare, raccomando sempre attenzione massima quando si “gioca” con il Grub!.

Finish!

Qualcosa è andato storto oppure non sai installare Linux? Hai alcune curiosità o non ti fidi a farlo da solo? Raggiungici in auletta! Cosa diciamo noi a Windows? NON OGGI!