Questo Sabato 25 Ottobre il Roma2LUG ha avuto il piacere di essere in prima fila nell’organizzazione del Linux Day 2014 di Roma. Evento molto sentito dalla comunità italiana, è stato per il terzo anno organizzato dal nostro LUG, attualmente unico Linux User Group attivo sul territorio romano, ed ospitato all’interno dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

L’evento ha visto la presenza di numerosi relatori, attività e banchetti informativi nel corso dell’intera giornata. Nella prima mattinata, il Prof. Salvatore Tucci, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ingegneria Informatica (DICII), ci ha onorati con un suo discorso di benvenuto e di apertura dei lavori; in questo il professore ha voluto dare uno sguardo al passato dei sistemi operativi, individuando quali importanti passaggi della storia dell’informatica hanno permesso ai sistemi GNU/Linux di vedere la luce. Questo discorso, seppur mai scontato, è stato reso ancora più interessante dai racconti del professore proprio sulle sue esperienze personali in questo campo e sulla storia di queste tecnologie inserite nel panorama accademico italiano e della nostra Università.

Al via da parte del Direttore del DICII, la giornata è cominciata a pieno ritmo con l’avvio dei talk previsti per la mattinata. Come primi interventi abbiamo visto lo speech di Andrea Polidori, con una lezione molto dettagliata sull’attuale stato di diffusione del software open-source e dei sistemi operativi GNU/Linux, dando anche uno sguardo a quanto questi siano importanti internazionalmente e nel campo lavorativo, e di Vitalij Zadneprovskij, con uno sguardo tecnico ad un tool molto indispensabile per la programmazione Java sui sistemi operativi open source, la virtual machine IcedTea7. A seguire abbiamo avuto come ospiti Alessandro Selli, con un talk sulle Linux Capabilities, particolare gestione dei permessi utente nel sistema operativo GNU/Linux che potrebbero portare alla soluzione di problemi di sicurezza del sistema da non sottovalutare, e di Daniele Scasciafratte, persona di spicco della comunità Mozilla Italia, che ha presentato un talk di introduzione sullo sviluppo di applicativi per il sistema operativo mobile Firefox OS. Al fine di mantenere un equilibrio fra le parti, dopo Mozilla abbiamo avuto modo di seguire una lezione tenuta dal nostro collega Andrea De Cesare, sulla programmazione in linguaggio C e Assembly sui dispositivi Android e sulle accortezze necessarie per questo particolare tipo di sviluppo; nell’altra aula abbiamo invece avuto come ospite Emiliano Daddario, che ha voluto individuare i principali tipi di errore che si possono fare nell’utilizzo della scheda Beaglebone, cosa queste possono comportare e a quali comunità rivolgersi per rimediare.

Sempre in mattinata, in contemporanea ai talk, ha avuto luogo il Laboratorio di programmazione per bambini tenuto dall’associazione CoderDojo Italia. Esperti proprio in eventi dedicati alla digitalizzazione dei bambini, questi hanno intrattenuto 30 ragazzi di età fra i 10 e i 13 anni, con esercizi di programmazione Python e di utilizzo del terminale Bash, all’interno del Laboratorio di Informatica Linux Powered, da poco tempo gestito e riconfigurato proprio dal Roma2LUG; ad ogni bambino è stata fornita una merenda e sono stati donati dei gadget, grazie al contributo di Google Italia.

Dopo la pausa pranzo, si è tornati subito sul pezzo con una serie di nuovi talk. I primi speech al termine della pausa sono stati quelli di Stefano Pepe, membro della Bitcoin Foundation Italia, che ha voluto intraprendere il discorso ed introdurre il pubblico del Linux Day proprio sul tema dei Bitcoin, e Luca Ferretti e Flavia Weisghizzi, membri di Ubuntu Italia, che hanno invece affrontato una spiegazione del nuovo display server MIR introdotto proprio da Ubuntu e che vorrà ambiziosamente sostituire lo storico X Window System. Marco Vigelini, membro di CoderDojo, ci ha accompagnato fino alla fine, occupandosi di un talk dedicato proprio alle motivazioni che muovono le attività della sua associazione, di far si che i bambini non siano semplici fruitori della tecnologia di cui ormai sono circondati ma che diventino invece protagonisti in prima linea nell’uso e sviluppo di queste innovazioni; in contemporanea abbiamo avuto inoltre ospite Camelia Boban, esponente di Wikimedia, portando una importante testimonianza su come il tema dell’open source non si fermi al solo argomento informatico, ma che può invece essere esteso a tutti i campi della conoscenza, cosi come fa Wikipedia ormai da anni nel campo degli open data. A conclusione della serie di talk, hanno preso la parola Leo Sorge, membro di Libreoffice, con un talk dedicato al software che più di tutti mette la parola open source nell’utilizzo tipico del computer, e Gabriele Falasca, con un introduzione ad Apache Cordova, alle sue API e con una dimostrazione di utilizzo e di creazione di una applicazione Android completamente funzionante.

Il pomeriggio ha visto ospitare nel Laboratorio di Informatica, un’attività dal valore culturale meno importante ma che ha riscosso comunque un discreto successo: il torneo di Open Arena. Alcuni partecipanti al Linux Day hanno preso parte ad una piccola competizione videoludica sul sopracitato videogioco open source, dando vita ad un’entusiasmante gara che ha eletto i 3 migliori giocatori della giornata.

Last but not least, non possiamo non citare i rappresentanti dei desk informativi presenti al nostro evento. Infatti, durante tutta la giornata, abbiamo avuto come ospiti vari banchetti di associazioni vicine alle tecnologie promosse dal Linux Day. Domenico Lattanzi si è occupato con entusiasmo di organizzare il proprio desk su ParallelKnoppix, distribuzione Linux dedicata alla creazione di clusters di PC per il calcolo parallelo. Germano Massullo con il supporto di Claudio Pisa, si sono occupati dell’allestimento del banchetto dedicato all’associazione Ninux, che da anni si occupa di raggiungere un goal molto ambizioso: la creazione e l’estensione di una rete di computer libera e gratuita sul territorio. Daniele Scasciafratte, mai stanco del suo contributo alla comunità Mozilla, al termine del suo talk si è occupato dell’organizzazione del banchetto omonimo, portando alcuni dispositivi dimostrativi dell’utilizzo del nuovo Firefox OS. Non dimentichiamo poi il banco di lavoro del Roma2LUG, dedicato all’install fest ed al supporto agli utenti nella risoluzione di problematiche legate all’utilizzo dei sistemi operativi GNU/Linux.

Terminiamo questo resoconto con le considerazioni finali ed i ringraziamenti dovuti. Anche quest’anno il Roma2LUG è uscito vincitore nell’organizzazione di questo faticosissimo evento: nonostante i vari piccoli problemi riscontrati, il gruppo è fiero di aver registrato una buona affluenza di pubblico, nell’ordine dei 200 partecipanti, raccogliendo inoltre il supporto di chi ha apprezzato l’evento ed ha contribuito alla nostra associazione, permettendone il continuo delle sue attività per gli eventi futuri.

Ci sono quindi importantissimi ringraziamenti da fare: ringraziamo la nostra Università ed i docenti che supportano questo tipo di attività; è anche grazie a loro se il nostro gruppo riesce a continuare le sue iniziative ed a portare a termine eventi importanti come il Linux Day. Un grazie va ai relatori ed ai promotori dei banchetti informativi, che come ogni anno hanno permesso all’evento di poter offrire ottime tematiche e spunti di approfondimento nelle varie tecnologie presentate. La linfa vitale di questo evento però, come vuole farci ricordare il tema di quest’anno, è la comunità; non si può quindi non ringraziare le persone che sono giunte in gran numero alle nostre iniziative ed hanno fatto si, con la presenza ma anche con i loro contributi, che il Roma2LUG possa continuare su questa strada. Ultimo ringraziamento va ai membri del nostro LUG, che come ogni anno hanno messo anima, corpo, tempo ed energie nell’organizzazione di questa giornata, permettendo di poter vantare questi grandi risultati.

Per il momento è tutto. Rimandando al prossimo Linux Day, invito comunque a rimanere aggiornati sulle attività del Roma2LUG, che freme continuamente e non dorme mai!

Per altre foto dell’evento cliccare qui. Per le slide, a breve saranno pubblicare qui.

2 thoughts on “Resoconto Linux Day 2014

  1. Pingback: Linux Day 2014 - I was there! - Mte90.Net

  2. Pingback: Linux Day 2014 - Io C'ero - Mte90.Net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *