Author Archives: Emanuele Savo

Roma2LUG OpenLab …con Parrot Security!

Articoli, Eventi, Senza categoria Leave a reply

r2lincontra-copia-1_modtext_2
Volantino in formato PDF

Se pensavate che il Roma2LUG si fosse preso una pausa dopo il Linux Day vi sbagliavate di grosso!

Il Roma2LUG ha avuto modo di conoscere Lorenzo “Palinuro” Faletra, fondatore di Parrot Security, che, di passaggio nella Capitale ed in visita al nostro evento dell’anno, si è proposto di tenere un seminario prima della sua partenza. Dopo i successi degli anni passati con i “Roma2LUG Incontra” siamo entusiasti di presentare “Roma2LUG OpenLab“, una serie di eventi, corsi e seminari dedicati al mondo dell’Informatica Libera.

L’inaugurazione avrà luogo con “parrotsec.org – Cybersecurity ‘n’ cool stuff”, dove Lorenzo Faletra simulerà scenari di attacco reali studiando la mentalità ed adottando il punto di vista di un pentester, sfruttandone le tecniche e gli strumenti, al fine di mettere in sicurezza un’infrastruttura informatica.

L’evento si terrà presso il Laboratorio di Informatica della Facoltà di Ingegneria il giorno lunedì 7 novembre dalle ore 15:00. La partecipazione è assolutamente libera.

 

Happy Pi Day!

Eventi Leave a reply

Buon Pi Day a tutti!

Ieri si è festeggiato il Giorno del Pi Greco ed il Roma2LUG, per celebrare l’evento, ha provveduto ad una manutenzione straordinaria del Laboratorio di Informatica della Facoltà di Ingegneria.

Il lavoro dell’instancabile gruppo di utenti di Linux della Capitale, infatti, non si è concluso con la migrazione (e relativa configurazione) delle 41 postazioni del Laboratorio al sistema operativo libero, né con l’installazione dei server del Roma2LUG in sala macchine. Il Roma2LUG da anni provvede con orgoglio alla manutenzione ordinaria e straordinaria del software presente sulle postazioni del laboratorio, rispondendo alle richieste di professori e studenti riguardo ai programmi installati e relative configurazioni ottimali.

Ieri, in completa trasparenza e senza interrompere il servizio offerto dal Laboratorio, assieme a grandi e piccoli aggiornamenti del sistema è stata aggiunta la versione 5 di JES!

Riuscirai a trovare il pi nascosto?

Pi_pie2

Enjoy!

F.A.Q. e TO-DO per l’assistenza perfetta!

Documentazione Leave a reply

Installare Linux è semplice: sono sufficienti pochi semplici passi spiegati da moltissime guide e video disponibili in rete. Il modo migliore per imparare a muovere i primi passi  è quello di provare da soli con l’ausilio delle documentazioni di chi ti ha preceduto.

Il primo passo consiste nello scegliere una distribuzione – puoi consultare il sito distrowatch per farti un’idea. Noi, per iniziare, consigliamo Ubuntu e Xubuntu Linux, perché forniscono un ottimo supporto hardware e prestazioni elevate unite ad interfacce semplici da usare(Xubuntu è maggiormente indicata per PC datati poiché presenta un’interfaccia più leggera rispetto ad Ubuntu).

Per l’installazione, puoi seguire la guida di Ubuntu Italia, che è dettagliata e costantemente aggiornata.

In questo articolo vogliamo però chiarificare alcuni dei passi chiave che risultano talvolta poco chiari e che spesso ci vengono richiesti. In particolare, il passo 2 è fortemente consigliato, assieme ad un backup, nel caso voglia prenotare un’assistenza.

Passo 1: Preparazione del CD/USB di installazione

Intanto scarica Ubuntu oppure Xubuntu!

– A meno che non abbia esigenze particolari, scarica la versione LTS (attualmente è la 16.04.2) a 64bit. Se il tuo PC ha più di dieci anni potresti avere un processore a 32bit; in questo caso è necessario scaricare la versione a 32bit.

Successivamente, masterizza l’immagine ISO che hai scaricato oppure utilizza una pennetta usb

Su USB
Su ISO

Passo 2: Preparazione del disco rigido

Fatto questo, il prossimo passo è quello di preparare il disco. Come prima cosa, una bella deframmentazione è quel che ci vuole:  Segui la guida Microsoft!

Successivamente, se non hai già una partizione disponibile, la puoi creare riducendone una esistente: Segui la guida Microsoft!

(NB: “Comprimi Volume” in alcuni sistemi è “Riduci Volume”)

Passo 3: Installazione

Ora riavvia il PC, seleziona il lettore CD / dispositivo USB come primo dispositivo di avvio (il manuale del tuo computer riporta le necessarie indicazioni a procedere) e successivamente segui le istruzioni a schermo. Nulla di più facile!

Se dovessi rincontrare ancora problemi (magari dovuti ad hardware non riconosciuto) o preferisci essere assistito da uno dei nostri, fai un bel backup dei tuoi dati e presentati con il tuo pc in auletta dopo esserti prenotato!

Xorg: Come cambiare i DPI

Articoli Leave a reply

Citando Wikipedia:

I punti per pollice, noti anche […] con l’acronimo DPI, sono la quantità di informazioni grafiche che possono essere rese da un dispositivo di output […]. Con il DPI si esprime la quantità di punti stampati o visualizzati su una linea lunga un pollice (2,54 cm). Ad un valore più elevato corrisponde una risoluzione maggiore ed una migliore resa sulle linee inclinate.

 

Si, ma perché dovrei cambiare le mie impostazioni?

Questo valore può essere aumentato e diminuito a nostro piacimento, ma cos’è che effettivamente cambia modificandolo? Se noi impostiamo un valore maggiore, i caratteri dello schermo saranno “più grandi“, ma di una qualità nettamente superiore. Questa funzione potrebbe ritornarci utile se ad esempio vogliamo utilizzare il nostro pc per visualizzare documenti e presentazioni, oppure configurare un display per uno stand pubblicitario. Se invece impostiamo un valore minore i caratteri diventeranno “più piccoli” e perderanno in definizione, ma guadagneremo molto spazio – utile se ci accorgiamo che lo schermo in una macchina dual-boot “sembra più grande” in Windows e “più piccolo” in GNU/Linux.

 

Modificare le impostazioni dei DPI 

Testare “on the fly” i differenti settaggi è molto semplice e, mediante xrandr, uno dei principali tool per la gestione del server grafico Xorg (che molto probabilmente troverete già installato sulla vostra Linux Box) potete così evitare di riavviare il server grafico.

Di default il server Xorg imposta questo valore a 96: possiamo accorgercene con l’esecuzione di un programma che non necessita il riavvio di Xorg per mostrarci la differenze, ad esempio l’esecutore con privilegi di amministratore in GTK gksu, o il tool di configurazione per schede video NVidia, nvidia-settings.

Per settare i DPI temporaneamente, è sufficiente digitare in un terminale o in una barra di esecuzione

xrandr --dpi VALORE

e quindi ad esempio aprire nvidia-settings mediante

nvidia-settings

Rendere effettive le nostre modifiche
Per rendere le nostre modifiche definitive, invece, dobbiamo modificare il file di configurazione di xorg, /etc/X11/xorg.conf. Ovviamente si consiglia di creare una copia di backup del file di configurazione prima di procedere ad eventuali modifiche: da terminale basta eseguire:

su -c "cp /etc/X11/xorg.conf /etc/X11/xorg.conf.old"

inserendo la password di root, oppure

sudo cp /etc/X11/xorg.conf /etc/X11/xorg.conf.old

inserendo la propria password, per poi procedere editando il file di configurazione del server grafico con il nostro editor di testi preferito, ad esempio:


su -c "nano /etc/X11/xorg.conf"
sudo vi /etc/X11/xorg.conf
gksu "gedit /etc/X11/xorg.conf"
gksudo "leafpad /etc/X11/xorg.conf"

 

Raggiungiamo la Section “Screen” ed aggiungiamo le righe:


Option         "UseEdidDpi" "False"
Option         "DPI" "75 x 75"

 

ovviamente modificando opportunamente il valore “75 x 75” con le nostre impostazioni preferite, salviamo il file e riavviamo il server grafico da console ad esempio premendo la combinazione di tasti, ctrl-alt-f1, eseguendo un login come root e digitando:

/etc/init.d/gdm [oppure kdm, slim, lightdm, ...] restart

scegliendo il login manager utilizzato, oppure da utente normale con

sudo /etc/init.d/gdm [oppure kdm, slim, lightdm, ...] restart

 

Edit: potrebbe essere necessario installare il pacchetto degli xfonts relativo alla risoluzione scelta! In debian:

sudo apt-get install xfonts-75dpi*

oppure

sudo apt-get install xfonts-100dpi*